Statement + Pubblications ENG/ITA version

STATEMENT / ENG VERSION (ITA version below)

Actually her cultural   research is developing to what she suppose will be the real configuration ( but perpetually in transformation! Maybe the chrysalis is becoming a butterfly? And after wich will be the metamorphosis of the butterfly? ), that is an attempt to fuse her paintings with her performances and not only ( expanding on a synergy of external brains and collaborations with other artists joined together for touch every shape of the creative reaserch) :

“ From my childhood I began to draw faces, I was always oriented on this sense so I was born as a portraitist. The characters you see on my paintings are al people I’ve met and most of the time they have inspired me with their own life... So I was born as a portraitist but people around me is my intermediary fthat I use for tell about my generation , revealing that with the power of the imagination, the metaphoric meanings and the symbols : the appearence cult , the arrogance, the collapsed ideals, the decadence of our western culture that is now in a capitalistic way and else, at a dying point, in decline. I've also always chanelled my attention to the different stages of the human condition, the psychological disease that sometimes i've suffered to , gorging psychoanalysis and criminolgy essays but with never forgetting the adventure novel and exploring life on the street also on his most marginal aspect. On my reaserch i've also done the struggle with that singolar conundrum that is "fakirism" partcullary chanelled about the female condition , making me a lot of time the question that in wich way we could face the pain in every contest.

I just love references about antiquity and my affiliation culture, maybe falso because of the storic and intellectual storical burden that my family had in the past and I'm daughter of a dying world : the Istrian decadent aristocracy tha for the ideals has decided to abnegate all but not the dignity. those references I'm talking about un-contexted and transformed on a new shape.

On my pictoral method you can see emerging a classic and an academical nature , that want once to be hidden mocking , undisclosed and being mocked or turning up for make a despite. -:...surrealism, realism, hyper-realism , grotesque :everything is foundering trying to describe about what Nike does. So, I could say That her "paint-brush" is the a shipwreck of different styles...- has remarked Giuseppe D' Aura.

but the only the picture was not satisfying me , so my curiousity pushed me to explore others sides of the visual art and made me wonder to utilize others instruments for interpretate same concepts. So, why not to let them interacting and giving new life each others?

I've started to wish my paintings could be "alive" and I've always being drawn by the concept of the "tableau vivant", it's already a few time I'm playing with the concept of the frame bounded to the painting (often the frame it's painted directly on the picture) : now I see the picture moving from the canvas, bringing wth his-self "fictional frame" for give life at human installations. It's exactly this what i would do fom now : my living pictures will be contastly on a metamorphys , blinking at the aesthetic poetry of my paintings."

 

 

STATEMENT / ITA VERSION

 

Attualmente la mia ricerca artistica si sta volgendo verso quella che ritiengo sarà la sua vera forma (perennemente mutabile però! Che la crisalide si stia finalmente trasformando in farfalla? e dopo da farfalla in che cos’altro si trasformerà? ), ovvero il tentativo di fondere le mie pitture con le mie performances e non solo ( via via allargandosi in una sinergia di menti esterne e collaborazioni con altri artisti che confluiscano insieme per toccare ogni lido della ricerca creativa) :

“Ho cominciato sin da piccola a disegnare volti in maniera ossessiva, tutti i personaggi che vedete nei miei dipinti sono realmente esistenti, amici e gente che ho incontrato nel cammino . Nasco come ritrattista ma tramite le persone che mi circondano voglio raccontare i nostri tempi e la mia generazione, rivelandoli attraverso il potere della fantasia, della metafora e dei simboli: il culto dell'apparenza, l'arroganza, il crollo degli ideali, la decadenza della nostra cultura occidentale che oramai è un potere capitalisticamente parlando e non solo, al declino.

Ho inoltre da sempre indirizzato un particolare interesse per l’ approfondimento dei vari stadi della condizione umana, del disagio psicologico del quale io stessa a volte sono stata affetta, divorando saggi di psicanalisi e criminologia senza mai dimenticare il romanzo d’avventura ed esplorando nella vita vera la “strada” anche nei suoi lati più marginali. Nella mia ricerca sono arrivata a sconfinare nei meandri del fachirismo e al pormi spesso la domanda su come affrontare il dolore in ogni sua forma.

Un altro fattore importante del mio operato (che sta emergendo in maniera sempre più evidente) è l'esplorazione della sessualità : mi accompagna il desiderio di esprimermi in questo campo e trovo attraverso l'erotismo anche un modo di rivelare i “misteri” della sensualità. Femminile , rifugiandomi così nell'immaginazione e traendone libertà... perchè il sesso che sia sublime , solenne od eroico (eroico qui viene usato come termine storico per indicare nella sua banalità un evento di stranezza nel quotidiano), che esso sia di natura onirica, o“naturalista” (vedasi la valenza simbolica di Courbet) è immaginazione allo stato puro, il sesso è SURREALE.

Amo i riferimenti all'antichità ed alla tradizione della mia cultura di appartenenza, forse anche per il peso storico ed intellettuale che ha avuto la mia famiglia in passato e sono figlia di un mondo morente : aristocrazia istriana decadente che per i suoi ideali umani ha rinunciato a tutto, ma non alla dignità. Questi riferimenti di cui parlo vengono decontestualizzati e rifatti vivere in una nuova forma .

A livello tecnico pittorico emerge dai miei dipinti una matrice di studio del disegno classica ed accademica, la quale però si nasconde e deride, viene nascosta e derisa, oppure fa capolino dispettosa :-...surrealismo, realismo, iper realismo, grottesco: tutto naufraga tentando di definire quello che Nike fa . Ecco, il suo pennello è il naufragio degli stili già esistenti...- commenta Giuseppe D’Aura.

La sola pittura però mi lasciava un senso di insazietà, la mia curiosità mi ha spinto ad addentrarmi ulteriormente in ignoti lidi e voler utlizzare altri mezzi per dare diverse forme ed interpretazioni a pensieri medesimi. Ho difficoltà a capire chi vuole suddividere, dividere le varie categorie artistiche come se ognuna fosse a se stante: alla fine cambiano i mezzi ma i concetti espressi sono gli stessi, quindi perché non lasciare che interagiscano fra loro, alimentandosi a vicenda?

Ho cominciato a desiderare che i miei quadri vivessero e sono sempre stata affascinata dal concetto di “tableau vivant”, mentre da anni gioco col concetto di cornice collegato al quadro (in genere è ella stessa dipinta nell'opera) , così come anche il frame nelle mie pseudo-fotografie (dipinti) : ora vedo emigrare il quadro uscendo dalla tela e portandosi naturalmente dietro la sua cornice fittizia per dare vita a delle installazioni umane. Ed è esattamente questo su cui lavorerò d’ora innanzi: i miei tableaux vivants saranno un continuo divenire e faranno l’occhiolino alla poetica estetica dei miei quadri.

 

 

 

Partial english  translation of "FROM ALICE TO PENTESILEA AND THE ARIANNA'S STRING...  "

MY THREE ALTER-EGO (ONE OF MY TEXT OF 2006)

:Pitch the first stone someone who, as me, after have take a walk on the difficult ways that we used to call : Streets of the Art (or streets of the creative research) has never wished , or  has never craved to be (or to become ) Alice by Lewis Carrol? Alice who, for being across the mirror,falled down on the unknow, on the famous Wonderland. The land  that is the inexhaustible orchard of metamorphosis and also the botanic cultivation of the earlier NONSENS...

Orchard where you can feel each time on a different way : too small or too big...

Place where Marcel Duchamps is the "Hatter"  and Rose Selavy is also his double; Frida Khalo Queen of Spades or Hearts; the Chesirecat enigmatic and sly, that can become each time a  figurativ realist painter, animator and ideator of environments, protagonist oh Happenings: one of the loot of realist or neo-dada that, staying on one highest branch of the Contemporary Art Tree, appear and disappear, without showing whole the ownbody, but always  with a sardonic smiling. Pinch the first stone who, expelled (or had left) from Wonderland has never wished for vocation or for revenge an "heroic" moment onn his own research- For me it was the era that i call "the years of Petesilea".
Who never has wished to empathize,probably on a klutzy way or only for a few time, On Pentesilea by Von Kleist? Who has not never succumbed to the temptation of renounceting to live  on the Eden, bited by the neo-romantic snake that rappresent the desire of the absolute?_
Even if the fury of Pentesilea and the Achille's daring, both conscious tu run in front of a fatal destiny that will not save them from the last breath...
Because fatal will be the massive fury of one the kluzy of the other, so massive that on act of love never lived they could find again peace of the senses and  reason.
On the mataphoric meaning Alice and pentesilea were two essential moments of my creative research, but first research of myself, as a woman or as also simply, a "cultural operator".
And now? If it's true that i feel like sometimes Pentesilea asked to Alice to go away (leaved her on the Mtamorphosys and Nonsenses Land), it's also true that the more gentle Arianna (maybe more curios and more well-disposed to enjoy the unknow then Penstesilea) has also asked to Penstesilea to go far-away. And now I'm wearing Arianna's  clothes even inside of me continue to exist Alice and penstesilea. And like Arianna now I mist over on this labyrinth of tunnels and rooms in an unpredictable itinerary.

Pubblications:

BlickLicht German Cultural Magazine, Cover plus article printed version (and online version: www.kultur-cottbus.de/archiv/0213.pdf )  , p.23 , febraury 2013 
 
The Trip Magazine , Nike Brass Alghisio  : "Il corpo e' un diario : i racconti della pelle (sul cuscino)" (translation : the body is diary - tales from the skin (on the pillow)), article and photo  about extreme bodyart, done by me  n` 11 ,, p. 58/59,  spring 2012
 
 Gangemi Editore   Art Catalogue, Quadratonomade at Palace of the Exhibitions in Rome , p .56 febraury 2012
 
Mondo Bizzarro Gallery Art Catalogue : "Tarot" cured by Alessia Defilippi , Elsewhere Factory and Bunka Lab,  april 2011
 
Espresso  magazine of Repubblica  :  "The underground art meets the tarots" by Enrica Murru, p. 9 , april 2011
 
The Trip Magazine, "Viennart" at Contemporary Art Museum  n` 8 , p.52/53 july-august 2011
 
Cultural Magazine, Luca martinazzoli : "Che l'Eros su carta risorga",Rolling Stone (Italia) Magazine n`70, p. 24,  febraury 2010 
 
Underground art magazine  , Marco Fioramanti : Art Shoe Show (Corpo Nudo e l'io)  Night Italia n`5 cured by Anton Perich, 2010 p. 58

Estratto dai miei testi del 2006 "DA ALICE E PENTESILEA... ED IL FILO DI ARIANNA"

Scagli la prima pietra chi, come me, essendosi avventurato per strade sterrate- le strade bianche che incautamente vengono chiamate : Sentieri dell'Arte (o della ricerca creativa), non ha mai desiderato, essere (o diventare) l'Alice di Lewis Carrol?
Quell'Alice che, per aver attraversato lo specchio, precipita nell'ignoto e si ritrova nel cosidetto Paese delle Meraviglie.
Quel paese che oltre ad essere l'inesauribile frutteto delle metamorfosi è anche l'orto botanico dei primi nonsenses.
Frutteto ed orto in cui ci si sente di volta in volta troppo grandi o troppo piccoli...
Luogo in cui Marcel Duchamps funge da Cappelllaio Matto e Rose Selavy da sua controfigura ; Frida Khalo da Regina di Picche o di cuori; lo STregatto, enigmatico e sornione si trasforma di volta in volta in pittore iperrealista, animatore di performances, ideatore di environments, protagonista di Happenings: uno dei tanti nuovi realisti o neo-dada che, appollaiati sui rami più alti dell'albero del Mercato dell'arte contemporanea appaiono e scompaiono, senza mai lasciarsi vedere per intiero, ma sempre sorridendo beffardo.
Scagli la prima pietra chi, cacciato o fuggito dal Paese delle Meraviglie, non ha mai desiderato vivere, per vocazione o per ripicca un momento "eroico" nella propria ricerca-
Per me è stato un periodo che chiamerei gli anni di Pentesilea_
Chi non ha mai sognato di identificarsi, magari in maniera maldestra o per breve tempo, nella pentesilea di Kleist?'
Chi non ha mai ceduto alla tentazione di rinunciare al Paradiso Terrestre, morso dal serpente neo romantico del desiderio dell'assoluto?_
Anche se il furore di Pentesilea e la spavalderia di Achille_ entrambi consci di correre incontro ad un destino che non avrebbe risparmiato né l'una né l'altro finirà per unirli in un abbraccio fatale...
Perché fatale era l'eccessivo furore dell'uno e l'eccessiva spavalderia dell'altro, tanto che soltanto in un'atto d'amore non consumato essi poterono ritrovare la pace dei sensi e della ragione...
Metaforicamente, Alice e Pentesilea, sono stati i due momenti essenziali della mia maturazione "artistica", ma sopratutto ricerca di me stessa, come donna e come pittrice o anche semplicemente, così si dice oggi, come "operatrice culturale".
Ed ora?
Se è vero che Pentesilea ha in qualche modo scacciato Alice (abbandonandola nel suo Paese delle Metamorfosi e dei nonsenses) è altrettanto vero che la più mite Arianna (forse di Pentesilea più curiosa e disposta ada affronatre l'ignoto) ha scacciato a sua volta Pentesilea.
ed ora io vesto i panni di Arianna, anche se dentro me continuano ad esserci sia Achille che Pentesilea_
Come Arianna ora vagabondo per un labirinto di cunicoli e stanze di cui è imprevedibile il tracciato e la topografia_
Ne percorro i corridoi, ne attraverso le stanze, bivacco in alcune arredate di di installazioni precarie ed effimere : un letto vuoto ingessato e disfatto, che reca ancora le tracce di chi lo ha abitato:
Il relitto di una notte d'amore...
Un lavoro complesso, in seguito rielaborato in una serie di fotografie.
Come se un letto, dopo aver a lungo galleggiato alla deriva , fosse approdato tra le pietre e i canneti di una riva in un lago fotografico...
E ad accoglierlo ci fossi stata io.
Poi di stanza in stanza, di corridoio in corridoi altre installazioni. " Televisori fluorescenti tra le rovine spente dell'antichità, in cui i televisori sono, come le rovine, privi di personaggi, ma non di colore, quasi fossero luminose scatole cromatiche prima d'una ripresa cinematografica o fotogrammi d'un film di cui sono stati cancellati gli attori_
Più in la, in un'altra stanza, ancora delle foto allle pareti: un dipinto già predisposto da un fatto di cronaca "l'indomani dell'ennesimo incendio a casa Huscer", in cui si mostra come, malgrado la desolazione dell'icendio che ha distrutto la casa, essa è "rivisitata" da personaggi che forse ne erano gli abitanti, ma più probabilmente soltanto individui che, nell'incendio e nell'abbandono, ritrovano situazioni analoghe, anche se meno appariscenti e drammatiche...
Ma tra stanza e stanza, qua e là, dentro nicchie o appese alle pareti del mio labirinto "icone" e ritratti che molto devono alle pagine patinate delle riviste di moda o del reality show in cui regna Narciso ( e naturalmente il suo antagonista Sicrano). Equivoche immagini di donne, ragazzi, ragazze e forse anche ermafroditi d'un estatico realismo sempre in bilico tra sogno interrotto, una speranza delusa o l'affanno d'un interrogativo senza risposta.
Più in là quadri di donne dai capelli multicolori (quasi Meduse elettroniche), le guance imbellettate di biacca o cipria azzurrina che non sanno scegliere se essere marionette, bambola o automa e perciò svelano un quasi sorriso rassegnato_
Più in là ancora, in una specie di cunicolo cieco un ritratto di donna dagli occhi metallici che esibiscono la sua alienazione, quasi fosse una sfida, una vittoria o una patente di nobiltà...
Ed infine l'ultima tela : rosso fuoco, rosso cupo e catrame : prenominazione d'un Amore Torbido tra un uomo e una donna che già non possono più parlarsi se non voltandosi le spalle, con lo sguardo perso nel vuoto.
 Come vedete, anch'io nei panni di Arianna, dipano, il mio intricato gomitolo, lasciando dietro di me la speranza di ritrovare la porta da cui sono entrata o che il mio filo guidi i passi del mio liberatore, di quel Teseo che prima o poi mi toccherà incontrare, quasi fosse un destino e non una mia scelta e che perciò non ho alcuna fretta di conoscere_
Mi addentro con ansia in questo mio labirinto sperando di trovare finalmente Minotauro che sa essere buono, triste e terribilmente solo.